BLOG

Cosa sono e come funzionano i sensori per il monitoraggio delle spedizioni

Scopriamo quali sono i vantaggi e le potenzialità dei sensori in grado di rilevare eventuali anomalie durante le fasi di stoccaggio e trasporto.

Grazie a un sempre più sofisticato livello prestazionale per il monitoraggio e la tracciabilità dei beni trasportati, è possibile attualmente gestire in maniera completa e soddisfacente l'intero percorso di spedizione delle merci.

I sensori tecnologici che costituiscono il "sistema traccia", sono di solito incorporati in un piccolo micro-processore, consistente in un'unità elettronica collegata a un ricevitore GPS.

In questo modo, un pacco viene localizzato in ogni punto del percorso facendo riferimento al suo codice identificativo trasmesso al centro di elaborazione dati.

Un'opzione del genere diventa particolarmente utile quando si verificano dei problemi durante il percorso, che potrebbero determinare un deterioramento delle merci e quindi un rifiuto da parte del destinatario.

È proprio in situazioni del genere che l'attività dei sensori si rivela fondamentale dato che trasmette in tempo reale alla centrale tutte le informazioni utili per risolvere il problema.

La piattaforma Acondev permette di monitorare in maniera semplice, intuitiva e immediata, le condizioni delle merci spedite, per evidenziare in tempo reale l'insorgenza di problematiche al vettore oppure al pacco stesso.

Importanza di una corretta installazione dei sensori per il monitoraggio delle spedizioni

I sensori che trovano maggiore impiego nei sistemi avanzati di monitoraggio merci, sono senza cavi poiché sfruttano un'alimentazione con antenne.

La loro installazione è particolarmente semplice e può essere effettuata da chiunque: in questo modo, nel momento in cui un pacco viene affidato allo spedizioniere, si procede all'applicazione di un sensore che viene poi disinstallato alla consegna, garantendo per tutto il tragitto una tracciabilità attiva e in tempo reale.

Le funzioni di tali dispositivi sono relative all'identificazione di parametri vitali come la temperatura, l'umidità, la pressione, il grado di luminosità e l'insorgenza di urti o collisioni.

Si può dire che ogni pacco si comporta come un'unità autonoma e costantemente collegata con il centro di elaborazione dati, dove personale specializzato è continuamente in contatto con tutti i vettori coinvolti.

Soltanto i tecnici sono in grado di decodificare le informazioni trasmesse dalle apparecchiature applicate alle merci in transito, poiché i dati trasmessi devono essere riportati su grafici per realizzare istogrammi di vario genere.

Dall'analisi comparata delle diverse proiezioni infografiche, è possibile identificare con precisione il problema, sia a livello quantitativo (entità del danno), sia qualitativo (tipologia del danno).

Vantaggi funzionali offerti dai sensori per il monitoraggio delle spedizioni

I dispositivi di rilevamento dei problemi fanno parte di un sistema di tracciabilità programmata, in grado di comunicare la posizione delle merci a intervalli regolari e sincronizzati con il GPS presente sul vettore. In base alle esigenze del cliente, questi sensori possono essere programmati con differenti modalità, regolando selettivamente gli intervalli di tempo.

Trattandosi di accessori di piccole dimensioni e facilmente applicabili ai pacchi, questi sensori per il monitoraggio delle spedizioni sono ormai diffusi presso la maggior parte degli spedizionieri, poiché riescono a garantire prestazioni di ottimo livello con una spesa minima.

È chiaro che migliorando le condizioni di spedizione e minimizzando i tempi di consegna, si ottiene un tangibile vantaggio economico che si riflette positivamente sull'intero flusso commerciale.

Naviga per tag

Naviga per data

Aprile 2021
Acondev e i suoi sistemi di tracciabilità e sicurezza merci
Leggi
A cosa fare riferimento per un monitoraggio merce in tempo...
Leggi
Perché è utile tracciare un pacco in tempo reale
Leggi